LAS_5704

Archeotrekking all’area archeologica Torre dei Sicconi

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on LinkedIn0Share on Google+0Pin on Pinterest0

Per raggiungere l’area archeologica della Torre dei Sicconi, che sorge sopra il paese di Caldonazzo, sono possibili diversi itinerari, tra cui: uno dalla piazza del Municipio di Caldonazzo, luogo in cui sono esposti alcuni reperti rinvenuti sulla sommità del dosso, il quale in un oretta conduce al sito. L’altro è l’itinerario consigliato,  il quale inizia nella frazione Campregheri di Centa San Nicolò con un leggero dislivello di 100 metri, è infatti, percorribile anche per le persone meno allenate o per le famiglie.

La passeggiata archeologica\naturalistica inizia nel parcheggio, dove  ben visibile il pannello della via Claudia Augusta, che illustra la storia di Monte Rive. Il piacevole tragitto pianeggiante, immerso nel verde bosco di larici e castagni, permette di ammirare le montagne circostanti, tra cui la Vigolana. Il sentiero risulta molto fresco e silenzioso, risultando un idoneo itinerario nei estivi.

In circa mezz’oretta si raggiunge il Giardino Torre dei Sicconi, dove è possibile assaporare ottime pietanze nell’Agritur, prima di raggiungere la cima della torre, che regala una bellissima vista panoramica sul lago di Caldonazzo. Lungo il sentiero storico\naturalistico che conduce ai resti dell’antico castrum, sono stati piantati vigneti ad altre varietà di ortaggi, fiori e frutti antichi, intervalli da pannelli illustrativi dei castelli medievali della Valsugana.

Già all’ingresso del Giardino Torre dei Sicconi, è possibile osservare alcuni resti visibili del castrum di Caldonazzo, costruito nel 1201, quando Geremia, signore di Caldonazzo e il fratello Alberto, ricevettero il permesso di costruire un nuovo castello sulla sommità di Monte Rive, da parte del principe-vescovo Corradi di Beseno. Nel 1385 venne danneggiato a seguito degli attacchi durante la battaglia tra Vicentini e Veronesi. Del castello di Caldonazzo, sopravvisse la torre fino al 1915, quando durante il primo conflitto mondiale, venne abbattuta dalle armate austriache.

Dal 2005 i resti dell’antico castello di Caldonazzo, iniziano ad essere valorizzati, attraverso il progetto europeo “Il Giardino della Torre dei Sicconi”, negli anni successivi dal 2006 al 2009 furono condotti ventidue sondaggi sul dosso e due brevi campagne di scavo da parte della Soprintendenza per i beni culturali-Ufficio beni archeologici della Provincia Autonoma di Trento.
Le indagini archeologiche nell’area hanno messo in luce un’articolata presenza di strutture sepolte, delle quali, purtroppo, non è stato possibile avere delle informazioni sulla planimetria e struttura. In base ai reperti rivenuti, permettono di datare queste strutture dal XIII al XIV secolo.

Nel sito è presente l’Agritur “I Giardini della Torre”, dove è possibile assaporare gustose pietanze.

In ottobre a Centa San Nicolò si svolge l’annuale festa delle castagne.

Orario Agritur...
I
Aprile e maggio, sabato e domenica dalle 10 alle 17.
Giugno,luglio,agosto dal mercoledì alla domenica dalle 10 alle 18
Settembre e ottobre, sabato e domenica dalle 10 alle 17.

ItinerarioDifficoltà: bassa
Tempo di percorrenza: 20-30 minuti
Itinerario: 1,4 km

InformazioniParzialmente accessibile con passeggini e su carrozzina.
Visitabile tutto l’anno.
Consigliati calzature idonee per camminare in montagna

Servizi didattici• Pannellistica in lingua italiana
• Segnaletica SAT
• Visite guidate nel periodo estivo

Servizi per l’utenzaAgritur “I Giardini della Torre” (vedi orari)
• bagno

Concessione per le riprese fotografiche
Provincia Autonoma di Trento - Soprintendenza per i beni culturali - Ufficio beni archeologici ai sensi del d.lgs. 42/04 - Codice dei beni culturali

Maggiori informazioni sull'informativa sui dati utilizzati

Copyright 2017 ArcheoTrentino.it. Tutti i diritti riservati.